giappone, viaggi
comments 7

Giappone: dove fioriscono i ciliegi

Sakura in Giappone

Cinquanta sfumature di rosa: hanami

I cigliegi a Hiroshima

I cigliegi a Hiroshima

Una nuvola rosa, come una cipria che imbianca e colora delicatamente tetti e palazzi. Avevo aspettative altissime sulla fioritura dei ciliegi. E facevo bene. Un po’ perché è vero che anche nel nostro Paese gli alberi fioriscono, ma sono più un privilegio per chi vive fuori da un contesto urbano e ci siamo drammaticamente disabituati. Un po’ perché vedere il Giappone in primavera è stato come riscoprirlo per la prima volta. E poi per lo stupore che coglie loro, i giapponesi, che hanno reso un evento legato alla natura e ai suoi cicli un momento di festa, banchetto, vita di comunità. E lo so che vengo dall’Emilia e che da noi si festeggiano cotechini, paste al mattarello o vino, ma è incredibile vedere che i veri protagonisti sono loro, alberi e fiori.

Il bello quindi. Il bello impalpabile e fugace che si contrappone a città spesso grige e squadrate. Forse il sakura, la fioritura, affascina ancora di più perché in Giappone ingentilisce strade nuove, case recenti, in un mondo così tante volte ricostruito, costretto periodicamente a rinnovarsi per sopravvivere (a incendi e terremoti ad esempio). Noi ci possiamo stupire sempre di un palazzo antico, di una chiesa medievale di una strada lastricata. Qui è (spesso) più difficile. E la natura risponde.

Il bello dei ciliegi fioriti è che sbucano in un angolo fra i palazzi, sotto una banca, o illuminano l’aria vicino a un corso d’acqua. Ma a volte sono stupefacenti per quanto sono numerosi, e per l’universo variopinto che vi si ritrova sotto. Passeggiando, mangiando, bevendo birra e sake. Fotografando. Una galleria di personaggi, di turisti, di selfie, di coppie sbalordite, almeno quanto me. Ecco alcuni dei punti d’osservazione che ho amato infinitamente.

Hiroshima

E’ una che città vivace nonostante l’atmosfera dolente. Ci sono stata proprio di domenica mattina, mentre famiglie intere e amici avevano appena preso cerate e cibarie per banchettare lungo il fiume che scorre a fianco del Parco della Pace.

Scatti qua e là

Scatti qua e là

Nel parco della Pace

Pic nic della domenica

Pic nic della domenica

Hanami a Miyajima

Hanami a Miyajima

Kyoto

Una città magica, romantica. Penso l’abbiano già scritto, ma non è un luogo comune: per l’atmosfera è una Parigi d’Oriente. Tra templi, parchi e lungofiume non si contano gli angoli resi ancora più affascinanti dalla fioritura. Ma anche molto divertenti.

Il percorso sugli ex binari ferroviari. A Higashiyama, subito fuori dalla fermata della metro Keage

In kimono sui binari

In kimono sui binari

 

Se l'ex ferrovia diventa un viale alberato

Kyoto, se l’ex ferrovia diventa un viale alberato
(foto di Persorsi, 2014)

Tono su tono

Tono su tono

 

A Gion. E’il quartiere dei divertimenti, delle luci e dei ristoranti affollati. Ma, è anche il quartiere delle geisha, della grazia, delle case di legno. Qui la luce è solo delle lanterne. Qui si incontra il Giappone sognato, immaginato, aspettato.

Di notte sono ancora più belli

Di notte sono ancora più belli

 

A Shinbashi, salici e ciliegi. Per me è la via più bella di Kyoto

A Shinbashi, salici e ciliegi. Per me è la via più bella di Kyoto

Parco di Maruyama
Di notte, lanterne illuminate fra i templi. Di giorno, vita pulsante, street food attorno al ciliegio più antico di Kyoto.

Hanami domenicale

Hanami domenicale (foto di Persorsi, 2014)

7 Comments

  1. manuelavitulli says

    Posso dirlo?
    Questo post è il più bello tra gli articoli che ho letto finora sul tuo blog! 🙂
    Mi hai trasmesso il tuo stupore e la voglia di essere lì a scoprire la natura in fiore tra palazzi recenti.
    Perché è vero, secondo me in Giappone i ciliegi in fiore hanno un fascino ineguagliabile proprio per il contesto in cui fioriscono.
    Belle foto 😉

    • Grazie mille Manu!
      Sono proprio felice perché anzi mi sembrava di avere scritto un po’ di getto e avevo paura di non avere reso abbastanza… invece per fortuna qualcosa è passato.
      In effetti lo stupore è stato tanto, davanti a una cosa in teoria ‘normale’, come alberi e fiori. Ma il vero spettacolo erano loro, i giapponesi,
      in pieno clima di festa. Davvero questi colori mi resteranno impressi!
      grazie grazie
      😉

  2. Pingback: A Kyoto fra i ciliegi in fiore (2) | orizzonti

  3. Pingback: Partire è la più bella e coraggiosa delle azioni. Next stop: Giappone! | Via che si va

  4. Pingback: Le stagioni del Giappone - Orizzonti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *