chef
Leave a comment

Quattro chiacchiere con lo chef Bruno Barbieri

Bruno Barbieri (Dal sito di Sky.it)
Bruno Barbieri (Dal sito di Sky.it)

Bruno Barbieri (Dal sito di Sky.it)

Lo ammetto, anche io sono entrata nel tunnel e, per un paio di mesi, mi sono drogata di Masterchef Italia. Non avevo guardato la prima edizione e mi sono accostata con sospetto, come faccio spesso nei confronti dei talent show e della tv in generale, alla seconda. Poi, puntata dopo puntata, mi è letteralmente spuntata la voglia di cucinare, tanto che, verso la fine della serie, le serate sono diventate ‘metaculinarie’: me ai fornelli in attesa della temibile mistery box. Oltre alla sorpresa, come ho giù scritto, di trovare un concorrente conosciuto (il terzo classificato Andrea), credo che il programma abbia alcuni difetti. Ad esempio, sarebbe bello che gli chef dispensassero qualche dritta culinaria in più per noi poveri mortali (anche se nelle ultime puntate hanno intensificato i consigli ai concorrenti in preda al panico). Anche la registrazione, che sicuramente permette di selezionare solo i momenti chiave, a volte rende la trasmissione un po’ fredda. E tutti entrano molto nel personaggio e ci marciano su. Il vero successo, secondo me, dipende dall’azzeccato trio di giudici: Carlo Cracco, Bruno Barbieri e Joe Bastianich. Non solo perché sono belli, stilosi e severi, ma perché sanno sapientemente completarsi come personaggi. E perché, in un panorama televisivo spesso desolante, sono persone con competenza, che eccellono in un mestiere, lo amano e lo fanno amare.

Comunque sia, anche facendo gli snob, va detto che Masterchef è stato seguito su Sky, e quindi a pagamento, da un esercito di spettatori. Eppure di cucina è pieno il piccolo schermo. Dunque qual è la ricetta? L’ho chiesto a uno di loro, gli chef, intervistato perché non solo è nato, ma anche perché bazzica spesso nelle zone di cui scrivo io (l’imolese): Bruno Barbieri. Affabile, spontaneità tutta emiliano-romagnola, mi ha spiegato perché gli piace tanto la parola mapazzone, perché ha vinto l’avvocato, che si è affezionato a tutti i concorrenti, ma soprattutto “a Ivan, Suyenne e Nicola”. E che cosa si cucina quando è giù di morale. Ecco qui come si diventa chef anche fuori da Masterchef.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *